Logo principale
E' più importante correggere l'errore, che cercare chi l'ha commesso. (autore a me sconosciuto)
Torna alla pagina iniziale Aggiungi ai Preferiti Area Riservata Contatto
::: Testo | A- | A+ | A0 :::
   Pagina iniziale // Programmazione // Gestire i cookies con Javascript
::: Cambia visualizzazione ::: who am i? :::   

Gestire i cookies con Javascript

<< | 2 di 2

In termini tecnici i cookie sono dei file di testo che alcuni siti depositano sul computer client, e che vengono interpretati dal server per raccogliere informazioni di vario genere sulle abitudini e i gusti dell'utente. In questo articolo presenteremo degli esempi.

Perché lo script funzioni correttamente è necessario inserire all'interno del tag <BODY> il codice:

onload="DisplayInfo()"

Onload è un gestore di eventi che richiama, una volta che la pagina è stata caricata, la funzione "displayInfo". Tale gestore di eventi è disponibile dalla versione 2 di Netscape Navigator.

La visualizzazione del numero di passaggi di una persona avviene tramite la finestra di avviso del browser.

La personalizzazione di questo script è abbastanza semplice e permette di scegliere messaggi di testo da associare ad ogni apertura della pagina. Nel codice esaminato sono impostati sei messaggi che accompagnano altrettante visualizzazioni. Il primo di questi messaggi è contenuto nella riga di codice:

if(visit == 1) message="Benvenuto nelle pagine del mio sito ";

Per aggiungere altri messaggi, oltre ai sei stabiliti in questo esempio, è sufficiente inserire altre righe di codice che seguano la numerazione progessiva. Ecco un esempio:

if(visit == 7) message="Settimo messaggio";
if(visit == 8) message="Ottavo messaggio ";

Il codice successivo:

alert("\n"+"Hai visitato questa pagina\n"+""+visit+""+"volte."+"\n"+"\n"+message);

raccoglie le informazioni comunicate dai cookie e le mette di seguito alla frase standard: "Hai visitato questa pagina", alla quale segue il dato dinamico comunicato dallo script.

"Alert" è un metodo che visualizza una finestra di dialogo con un messaggio di avvertimento ed un pulsante "ok". I metodi sono, in javascript, particolari tipi di funzioni associati ad oggetti, che richiedono argomenti. Come le funzioni, anche i metodi sono costituiti da una parola seguita da una coppia di parentesi.

L'istruzione "var" viene utilizzata per dichiarare delle variabili, mentre il metodo "setTime()" viene utilizzato per assegnare le relazioni tra gli oggetti "date". Questo metodo imposta o ripristina il numero di millisecondi trascorsi dal primo gennaio 1970.

Sulla falsariga dell'esempio citato in questo articolo, e sfruttando nuovamente le potenzialità dei cookie, è possibile richiedere il nome agli utenti e memorizzare la risposta per le future visite. Ecco la sintassi:

<SCRIPT LANGUAGE="JavaScript">
<!--
   
  var username = GetCookie('username');
  var dom = GetCookie('MyDomain');
  
  if (username == null) {
     username = prompt('Scrivi il tuo nome',"");
     if (username == null) {
       alert('Se non scrivi il tuo nome, sarai Anonimo.');
       username = 'Anonimo';
     } else {
       pathname = location.pathname;
       MyDomain = pathname.substring(0,pathname.lastIndexOf('/')) +'/';
       var largeExpDate = new Date ();
       largeExpDate.setTime(largeExpDate.getTime() + (365 * 24 * 3600 * 1000));
       SetCookie('username',username);
     }  
   }
 
  function getCookieVal (offset) {
    var endstr = document.cookie.indexOf (";", offset);
    if (endstr == -1)
      endstr = document.cookie.length;
    return unescape(document.cookie.substring(offset, endstr));
   }
 
  function GetCookie (name) {
    var arg = name + "=";
    var alen = arg.length;
    var clen = document.cookie.length;
    var i = 0;
    while (i < clen) {
      var j = i + alen;
      if (document.cookie.substring(i, j) == arg)
        return getCookieVal (j);
      i = document.cookie.indexOf(" ", i) + 1;
      if (i == 0)
        break;
    } 
    return null;
  }
 
  function SetCookie (name, value) {
    var argv = SetCookie.arguments;
    var argc = SetCookie.arguments.length;
    var expires = (argc > 2) ? argv[2] : null;
    var path = (argc > 3) ? argv[3] : null;
    var domain = (argc > 4) ? argv[4] : null;
    var secure = (argc > 5) ? argv[5] : false;
 
    document.cookie = name + "=" + escape (value) + ((expires == null) ? "" :
("; expires=" + expires.toGMTString())) + ((path == null) ? "" :
("; path=" + path)) + ((domain == null) ? "" : ("; domain=" + domain)) +
((secure == true) ? "; secure" : ""); } document.write('<font face=arial size=6>Ciao '+username+' !</font> '); //--> </SCRIPT>

Molto simile al precedente, questo script è semplice da impostare e da personalizzare. Il codice va inserito all'interno dei tag <BODY> e non all'interno dei tag <HEAD>.

La grandezza del testo che viene visualizzato sulla pagina HTML è stabilita dalla riga di codice:

document.write('<font face=arial size=6>Ciao '+username+' !</font> ');

Nel caso in cui non venga scritto alcun nome, lo script assegna di default la denominazione "anonimo".

<< Pag. precedente | Pagina 2 di 2

Articolo visitato 1229 volte e votato 25 volte (media: 4.0000 su 5)

Voto:
Un commento:
(facoltativo)
::: Pagina iniziale ::: Torna all'inizio della pagina ::: Stampa la pagina ::: 
Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS!