Logo principale
Se le piante sono sicure che la primavera verrà, perché noi, esseri umani, non crediamo che un giorno saremo capaci di raggiungere ed ottenere ciò che vogliamo? (K. Gibran)
Torna alla pagina iniziale Aggiungi ai Preferiti Area Riservata Contatto
::: Testo | A- | A+ | A0 :::
   Pagina iniziale // Hardware // Processori sempre più veloci: un pericolo per la salute?
::: Cambia visualizzazione ::: who am i? :::   

Processori sempre più veloci: un pericolo per la salute?

Il progresso tecnologico ci sta proponendo processori sempre più performanti: la soglia dei tre GHz è stata ormai superata e già s'intravede quella dei quattro.

E' sicuramente un bene per le applicazioni avere a disposizione CPU veloci: riduce sensibilmente i tempi di elaborazione migliorando la produttività e grazie all'elevata potenza di calcolo è possibile proporre agli utenti ambienti amichevoli, graficamente piacevoli e curati.

Purtroppo uno spiacevole effetto collaterale è dato dalla cosiddetta EMI (ElectroMagnetic Interference), che diventa sempre più rilevante e difficilmente contenibile al crescere della frequenza. Il problema delle interferenze elettromagnetiche è abbastanza serio, infatti potrebbe pregiudicare il buon funzionamento delle apparecchiature elettriche limitrofe ai PC, come televisori, impianti Hi-Fi e telefoni cellulari. Non solo.

E' opinione comune della comunità scientifica che le radiazioni elettromagnetiche a bassa potenza non siano deleterie per gli esseri umani, ma alcuni studiosi sono abbastanza scettici e nel dubbio consigliano di ridurre il più possibile l'emissione di onde elettromagnetiche.

Per contenere le emissioni elettromagnetiche dei futuri processori ad altissima frequenza (che irraggiano onde sino alla seconda/terza armonica) sarà necessario riprogettare i case (l'involucro metallico che contiene i componenti costituenti del PC), che dovranno essere pesantemente schermati. Questo è un problema serio, poiché attualmente non esiste nessuna strumentazione per collaudare i futuri case e quindi verificare sperimentalmente le nuove soluzioni e forme escogitate.

Da Intel potrebbe arrivare una soluzione: il chipmaker sta per mettere in commercio delle apparecchiature in grado di simulare le emissioni dei futuri processori ad altissima frequenza di funzionamento. Gli strumenti proposti sono due: il CGE01 (Comb Generator Emitters 01), che è in grado di produrre emissioni sino a 12 GHz ed è utilizzato per simulare processori sino a 4 GHz; il CGE02 (Comb Generator Emitters 02), che è in grado di produrre emissioni sino a 25 GHz e verrà utilizzato per simulare processori sino a 8 GHz. Secondo quanto dichiarato da Harry Skinner, senior EMI Architect all'Intel Platform Technology Group, grazie a CGE02 (ancora non disponibile) sarà possibile valutare e simulare anche le emissioni elettromagnetiche dei futuri bus ad alta velocità, come il PCI Express ed il Serial-ATA.

Il prezzo di questi dispositivi è abbastanza elevato: CGE01 costa circa 6.200 dollari; per il futuro CGE02 (dovrebbe debuttare nel primo trimestre 2003) saranno necessari circa 7.800 dollari.

Articolo visitato 2394 volte e votato 9 volte (media: 4.1111 su 5)

Voto:
Un commento:
(facoltativo)
::: Pagina iniziale ::: Torna all'inizio della pagina ::: Stampa la pagina ::: 
Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS!