Logo principale
Sicuramente i più coraggiosi sono coloro che hanno la visione più chiara di ciò che li aspetta, così della gloria come del pericolo, e tuttavia l'affrontano. (Tucidide)
Torna alla pagina iniziale Aggiungi ai Preferiti Area Riservata Contatto
::: Testo | A- | A+ | A0 :::
   Pagina iniziale // SQL Server // Rilocare opportunamente i file di sistema di Sql Server 2000
::: Cambia visualizzazione ::: who am i? :::   

Rilocare opportunamente i file di sistema di Sql Server 2000

Spesso l’installazione del database server avviene senza tenere conto dell’effettivo utilizzo in regime produzione dell’applicazione e soprattutto senza valutare l’impatto su alcune risorse delicate dal punto di vista delle performance. Vediamo alcune “best practice” di installazione.

È regola piuttosto comune installare il database server, automaticamente, all’interno della stessa partizione del sistema operativo. Questo non è un problema per piccoli database di prova come quelli utilizzati da sviluppatori e progettisti. Diventa un problema delicato, però, utilizzare lo stesso schema di installazione su di un server di produzione. Infatti si tenga conto del fatto che la stessa partizione (e disco soprattutto) del sistema operativo contiene anche il file di “swap” della memoria virtuale di sistema. Questo file di swap è molto movimentato con un tecnologia come quella di Windows costruito intorno ad un kernel di tipo NT (NT 3.51, NT 4.0, 2000, tutti gli XP e futuri). Ciò significa che l’unita fisica che contiene tale file è molto impegnata con il leggere e scrivere questo tipo di informazioni. Si aggiunga, poi, anche il fatto che la stessa partizione contiene tutte le DLL di sistema e che queste DLL vengono continuamente mappate dalle applicazioni utente e di sistema (non esattamente lette per intero) tutte le volte in cui vengono utilizzate. È facilmente comprensibile, a questo punto, che file di dati altamente movimentati non possono risiedere sulle stesse unità fisiche. È questa la ragione per cui file come il tempdb (soprattutto) devono assolutamente essere spostati oppure immediatamente estesi su unità fisiche diverse. Per completezza ripassiamo velocemente tutti i file di dati (tralasciando quelli di esempio) automaticamente installati da Sql Server 2000 con alcune annotazioni:

  • MASTER.MDF: Rappresenta il database più importante e fondamentale di Sql Server 2000. è il primo database cercato da Sql Server 2000 durante il suo avvio. Contiene tutte le informazioni considerate di “sistema” di Sql Server 2000. Non è molto movimentato considerando il fatto che una volta installato il database server, la configurazione di sistema non dovrebbe variare brevi intervalli di tempo.

  • MSDBDATA.MDF: È una specie di repository di informazioni generali di Sql Server 2000. In questo database vengono catalogate ed archiviate informazioni utili per lo scheduler ed altri tool ed utilità di Sql Server 2000. Poco movimentato.  

  • MODEL.MDF: È il database di riferimento utilizzato per la costruzione di nuovi database. Lo stesso nome “model” tradisce la sua unica utilità: quella di elencare tutte e strutture che verranno ripetute all’interno dei nuovi database creati dagli operatori. Poco movimentato.
     
  • TEMPDB.MDF: Veniamo al piatto forte: questo è il database più movimentato in assoluto. Infatti come accennato sopra in questo database vengono memorizzate tutte le informazioni temporanee che non trovano posto nella memoria centrale dell’applicazione Sql Server. Si tenga, inoltre, conto del fatto che ad ogni ripartenza questo database verrà ripulito completamente.

Articolo visitato 1739 volte e votato 14 volte (media: 3.8571 su 5)

Voto:
Un commento:
(facoltativo)
::: Pagina iniziale ::: Torna all'inizio della pagina ::: Stampa la pagina ::: 
Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS!